PRESENTAZIONE- "ho smesso di tremare" (il manuale)

VUOI SAPERNE DI PIU' ? CLICCA QUI



SAI GIA' TUTTO SUL POSITIVE SELF TALK ANTIPANICO E VUOI FRUIRNE RAPIDAMENTE ? CLICCA QUI



HAI VISITATO QUESTE PAGINE PER PURA CURIOSITA' ED ORA STAI PER USCIRNE?
NON FARLO PRIMA DI AVER GETTATO UNA OCCHIATAQUI!!


DUE PAROLE...TANTO PER ESSERE CHIARI (leggi)





Il Positive Self Talk Antipanico in TV

Apnee diurne



Eh si, cari amici "portatori sani" di attacchi di panico...non bastavano quelle notturne, a rendere la vostra vita un inferno. Per chi ha la "gioia" di vivere una vita densa di emozioni, come quella vissuta da chi la deve affrontare in compagnia di questo disturbo, abbiamo un vastissimo campionario (o meglio bestiario ) di bizzarre e fastidiosissime sensazioni.
Ma si...scherziamoci un po' sopra che è meglio!
La cosa triste, è che quando queste manifestazioni ci colpiscono, da ridere c'è ben poco, anzi ci verrebbe da piangere tutto può avere inizio in qualsiasi luogo ( a me preferivano cogliermi, mentre ero alla guida della mia automobile). Cominciavano non appena mi rendevo conto, di aver trascorso alcuni secondi, dimenticandomi letteralmente di respirare, poi continuavano impedendomi di riprendere fiato anche volontariamente, e creando una specie di occlusione fittizia alla gola, che mi impediva persino di deglutire.
La cosa più singolare in tutto ciò, è che per non morire soffocato ( o perlomeno smettere di crederlo ) mi era sufficiente compiere un atto elementare: ( ah ah...non ci credereste mai! ) aprivo la bocca e respiravo.

Ebbene si, la mente è capace di giocarci degli scherzi così strani, da indurci a credere che stia accadendo ciò che in realtà non sta affatto avvenendo. Credevo di non poter respirare convincendomi che non vi era altra soluzione che inalare con il naso, come si fa abitualmente del resto, rendendomi conto che potevo respirare con la bocca solo nel momento che sopraggiungeva l'apnea.

Oggi mi domando: si può essere più stupidi? In effetti però una spiegazione c'è, e va oltre l'umana stupidità. Ciò che nessuno vi dice e probabilmente non vi dirà mai, dal momento che da nessuna altra parte viene detto, è che gli attacchi di panico sono strettamente imparentati con l'auto-ipnosi.

Si, è proprio una sorta di ipnosi, quella che pratichiamo su noi stessi, quando veniamo colti, o piuttosto ci lasciamo cogliere da un attacco di panico.

Proprio come in uno show di un ipnotista, dove la gente del pubblico dopo essere indotta in uno stato particolare, in cui non è più in grado di compiere determinate azioni elementari, lo stato ipnotico auto-indotto non permette a chi sta subendo la crisi di panico, di poter gestire alcune azioni od emozioni. E' come se ce lo impedissimo, azionando un comando remoto.

Ciò che dobbiamo fare, e che il Positive Self Talk Antipanico ci insegna a fare, è ottenere la padronanza di questi comandi, dopo averci insegnato a riconoscere i falsi stimoli, e come essi agiscono sui meccanismi mentali che accettano tali comandi come veritieri, smascherarli interpretandoli per ciò che realmente sono, e sostituendoli con una "versione ragionata" di dette sollecitazioni.

Faccio un esempio pratico accostabile all'esperienza personale che vi ho descritto: Sei alla guida, non puoi respirare ne deglutire perchè un groppo alla gola te lo impedisce? Non perderti d'animo, concentrati, fai un respiro con la bocca e poi chiediti, per quale motivo avevi pensato di non poter respirare, dal momento che avresti potuto farlo benissimo in qualsiasi momento. Poi domandati il perché tu abbia dovuto credere a questa spudorata menzogna, a questo inganno della mente. Questo è ciò che intendo per "versione ragionata".

Quando avrete imparato a farvi beffe di ciò che continuamente tenta di farsi beffe di voi, di trarvi in inganno, quando saprete individuare e prendervi gioco di queste palesi e grossolane " bugie del cervello" allora starete già sulla via della guarigione.

Alexandre M. Simonet.