PRESENTAZIONE- "ho smesso di tremare" (il manuale)

VUOI SAPERNE DI PIU' ? CLICCA QUI



SAI GIA' TUTTO SUL POSITIVE SELF TALK ANTIPANICO E VUOI FRUIRNE RAPIDAMENTE ? CLICCA QUI



HAI VISITATO QUESTE PAGINE PER PURA CURIOSITA' ED ORA STAI PER USCIRNE?
NON FARLO PRIMA DI AVER GETTATO UNA OCCHIATAQUI!!


DUE PAROLE...TANTO PER ESSERE CHIARI (leggi)





Il Positive Self Talk Antipanico in TV

Attacchi di panico in macchina

Uno degli aspetti più invalidanti per chi soffre di attacchi di panico è senza ombra di dubbio, quello di vedere limitata la propria autonomia di movimento. 
Il sole, il troppo freddo, la troppa folla, gli spazi troppo aperti...tutti fattori che rendono un incubo espletare le più essenziali necessità quotidiane. Cosa ci sarebbe quindi di più utile del muoversi con la propria automobile? Aria condizionata all'occorrenza, musica per deliziarci l'anima, riscaldamento se necessario e una grande velocità che in caso di bisogno ci potrebbe condurre dove desideriamo essere, prima di qualsiasi altro mezzo di soccorso. 

Allora, cosa ti combina la subdola ansia che è sempre in agguato quando si tratta di rovinarci la vita? Ci confeziona su misura una nuova fissazione in grado di annientare il piacere e la comodità di questo ormai indispensabile mezzo di trasporto: Gli attacchi di panico alla guida. Una banale coda, l'attraversare una galleria, o una semplice corsa in autostrada, ci sembrano divenire ostacoli insormontabili. 
Quello che sarebbe opportuno fare in questi casi è concentrarsi sui vantaggi suddetti. Abbandonare l'auto, resa fresca o calda dal condizionatore, per proseguire a piedi in una giornata di calura estiva o di freddo intenso, sarebbe davvero la soluzione migliore? E' su punti come questi, che dovete interrogarvi, quando sentite di stare per cadere preda di una crisi di panico. Inoltre, è bene ricordare che l'automobile viene considerato uno "status" dell'individuo. 
Pensate davvero che presterebbero maggiore soccorso a una persona appiedata che si muove in stato confusionale, piuttosto che a qualcuno che chiedesse aiuto a bordo della propria auto?
Perchè vi dico questo, semplicemente per il fatto che gli attacchi di panico in automobile, gli attacchi di panico nei luoghi chiusi, gli attacchi di panico all'aperto, gli attacchi di panico tra la folla ecc. ecc. sono tutte facce della stessa medaglia, ovvero l'eterno bluff, che l'ansia perpetra ai danni della nostra stabilità emotiva in un susseguirsi di menzogne che essa ci sottopone in un beffardo gioco di fumo e specchi. 
A queste menzogne ed a questa continua instillazione di dubbi da parte sua, dobbiamo rispondere utilizzando una logica ferrea, in grado di sgretolare una per una le subdole trappole che essa ci propina.
Prendiamo dunque il coraggio a due mani, mettiamo in moto la nostra automobile e facciamo dapprima dei brevi giri, anche se questi fossero inizialmente circoscritti al nostro isolato, poi al quartiere e così via via aumentandone l'estensione a seconda della nostra ritrovata fiducia in noi stessi.
Ricordate sempre: L'ansia, così come tutte le paure in generale, si sconfigge solo combattendola, sfidandola a viso aperto e non chiudendosi in se stessi, perchè questo atteggiamento ci trasforma nelle sue vittime perfette, e noi questa soddisfazione non gliela vogliamo dare vero?

Affrontate l'ansia e gli attacchi di panico con il PST ( Positive-self-talk ) "specifico per il panico" esso vi aiuterà a tornare a vivere una vita degna di essere vissuta.

Il PST mirato alla cura degli attacchi di panico

Il PST (positive self talk) specifico per gli attacchi di panico e l'ansia diffusa, cronica o generalizzata, consiste in una versione del positive self talk adattata per avere efficacia nel combattere nello specifico, questo tipo di disturbi della sfera emotiva. Simonet Alexandre il suo ideatore, è riuscito, grazie alla sua esperienza e a quella di una moltitudine di persone da lui esaminate nel corso di quindici anni di studi approfonditi, a trasformare il dialogo interiore "negativo, la prima causa scatenante le crisi ansiose e di panico,  in dialogo interiore "positivo", mediante l'utilizzo di tecniche specifiche e adatte ad ottenere questo strabiliante quanto benefico cambiamento. Questo metodo, se seguito ed applicato nel modo corretto, permette di raggiungere ottimi risultati in tempi rapidissimi (generalmente dalle due alle tre settimane) fino al conseguimento della completa guarigione in un periodo che approssimativamente varia dall'uno ai due mesi. Il tutto, senza dover ricorrere all'uso di dannose, inutili e depersonalizzanti sostanze psicofarmacologiche. Il PST antipanico, può essere considerato al giorno d'oggi, realmente la terapia d'elezione per tutti i disturbi riconducibili ad ansia e stress.

Positive Self Talk antipanico: Il professor Umberto Veronesi lancia l'appello!!

Sulla rubrica del Corriere della Sera curata dal prof. Umberto Veronesi, un lettore invia un messaggio, nel quale richiede che il Positive Self Talk antipanico, ottenga il risalto che merita da parte della cronaca, ed il professore, che conosce perfettamente l'efficacia del metodo in questione nel settore di sua stretta competenza, dal momento che il PST viene utilizzato da anni con successo nella riabilitazione psicofisica dei soggetti che sono stati sottoposti a cure e terapie antitumorali, acconsente immediatamente non solo a pubblicare il messaggio di questo signore, ma lo carica di una valenza cui solo la competenza e l'autorevolezza di questo luminare della medicina italiano, avrebbero potuto fare, trasformando la richiesta di questo lettore, quasi in un suo appello personale. Forse qualcosa si sta muovendo anche in Italia e se altri eminenti personaggi del suo calibro cominceranno ad interessarsi al Positive Self Talk antipanico ben presto, questo insuperabile metodo che in altri paesi già rappresenta la cura d'elezione per ansia, attacchi di panico e depressione, diverrà anche nel Belpaese ciò che consentirà a milioni di italiani di liberarsi dai loro incubi e sofferenze, con grande rammarico di coloro che vorrebbero far credere che l'unico sistema per curare questo genere di disturbi, consista nell'utilizzo di inutili e pericolose terapie farmacologiche. Credo che la "scelta di campo" del professor Veronesi (noto vegetariano e salutista) sia stata dovuta in gran parte anche a quest'ultimo fattore.

Avviso a tutti i fruitori di Wikipedia Italia

Quando consultate le informazioni contenute in Wikipedia Italia, sappiate che ciò che vi leggete è solo una versione contraffatta e manipolata dalla stessa enciclopedia multimediale, che asservita alle holding e le varie lobby che la sponsorizzano, inseriscono e permettono la diffusione, solo alle informazioni o per meglio dire alla versione delle informazioni che non entrano in conflitto con gli interessi delle lobby suddette.
Nel Duemiladieci, esisteva una intera voce dedicata al Positive self talk di Alexandre Simonet, e del libro "Ho smesso di tremare". Poi quella pagina dopo anni di permanenza legittima venne cancellata, a seguito di guerre intestine e fratricide che a quel tempo avevano luogo fra fazioni opposte di amministratori wikipediani. Una fazione era onestamente a favore della diffusione della cultura, l'altra esigeva tramite l'invio di mail private, indirizzate ad autori, personaggi vari e ricercatori il pagamento di una specie di "pizzo" affinchè le voci che li riguardavano rimanessero inalterate o presenti. Vi lascio indovinare quale sia la fazione che prese il sopravvento! Naturalmente, molti autori si rifiutarono di cedere al ricatto e io fui uno di questi.

Perchè vi racconto questo?  Perchè ora abbiamo raggiunto l'assurdo.

Un utente, mi ha contattato raccontandomi ciò che gli è accaduto negli ultimi mesi:

Avendo egli notato questa mancanza di informazioni in Wikipedia e avendo nel contempo notato quanto sia il positive self talk ed il suo ideatore, fossero conosciuti nel web e avendo preso visione della vecchia pagina di wikipedia dove se ne parlava, decise di provvedere a questa lacuna e decise di inserire il metodo di Simonet nelle informazioni riportate da Wikipedia relative alle voci attacco di panico e Ansia.


Provò ripetutamente e con ostinazione, nonostante le informazioni in questione venissero cancellate ogni volta e senza fornirne ragionevoli e giustificate motivazioni, nonostante egli abbia fornito ogni genere di prova riguardante il personaggio ed il metodo in questione


Risultato? L'utente fu miseramente bannato da Wikipedia e fin qui ancora nulla di eccezionalmente strano, conoscendo l'imparzialità degli amministratori di Wikipedia


Però egli non si diede per vinto, ed inscrivendosi con un altro nome, si limitò ad inserire nelle voci in questione, frasi che solo si riferivano al Positive self talk, senza citare né il nome dell'autore, né il suo libro, in modo tale da non poter essere accusato di stare cercando di fare spamming (propaganda a fini personali o di lucro), che era la scusa con la quale venivano più frequentemente cancellate le sue modifiche.


Ebbene, ci credereste? Incredulo sono andato a verificare di persona e incredibilmente Gli amministratori di Wikipedia, sono riusciti a realizzare l'assurdo! Hanno bannato da Wikipedia la frase Positive Self Talk (qualora fosse messa in relazione con il panico)!!!!!!


ASSURDO!! Poi hanno il coraggio di chiamare vandali quelli che vogliono dire cose che non concordano con le loro linee guida di informatori asserviti.


Così oggi in Wikipedia si può liberamente dire che il panico si può curare con qualsiasi intruglio, chimico e non, ma non si può dire che esiste il positive self talk, relativo ad esso, mentre è sufficiente digitare queste tre parole in internet, per appurare che anche tra le informazioni in inglese ci sono migliaia di riferimenti ad esso, dal momento che con il PST vengono curate in tutto il mondo le più disparate malattie di natura psicologica e nell'ambiente dello sport è solo grazie ad esso che vengono forgiati i veri campioni.




Invito tutti coloro che hanno a cuore la corretta informazione ad iscriversi a Wikipedia (tanto è facile non serve neanche fornirgli la mail) per protestare contro questa illegittima prevaricazione, Bombardando letteralmente l'enciclopedia multimediale, con modifiche, messaggi di lamentela rivolti agli amministratori e quant'altro, affinchè si vergonino e la gente venga informata dei rischi che corre per via della loro informazione scorretta, e per far sapere anche a tutti coloro che non hanno potuto accedere a queste importantissime informazioni, chi siano i colpevoli della loro mancata conoscenza al riguardo.

Oggi il Positive self talk specifico per gli attacchi di panico, ha reso semplice e rapida la loro eliminazione

Oggigiorno, continuare ad avere attacchi di panico o cessare di soffrirne, è divenuto realmente facoltativo. Infatti, la loro eliminazione grazie al positive self talk antipanico è garantita in 9 casi su dieci e colui che non riesce a liberarsene, di solito, migliora le sue condizioni ben dell'80%. Molti si ostinano a seguire costose sedute psicoterapeutiche o ad assumere sostanze psicotrope di dubbio beneficio e sicuro danno psicofisico. Se solo l'informazione scientifica fosse meno asservita agli interessi delle multinazionali del farmaco e alle lobby psichiatriche da esse sponsorizzate, si renderebbero noti tutti i sistemi alternativi realmente validi e primo fra loro il Positive Self Talk antipanico. Mentre in America il PST (anche generico) è uno dei mezzi più comuni e conosciuti per ristabilire addirittura la piena salute nei pazienti che sono stati sottoposti ad interventi e terapie antitumorali, in Italia, non esiste neppure una voce enciclopedica o materiale digitale che tratti in maniera approfondita l'argomento. Questo ritardo nell'informazione, sta costando molto, non solo a tutti coloro che avrebbero il diritto di essere informati, per poter uscire al più presto dalla loro situazione di disagio, ma anche alle tasche dei cittadini, che sono costretti a vedere una buona fetta dei tributi da loro pagati, destinati al mantenimento di numerose sezioni delle strutture per il trattamento dei disturbi di origine psichica, che già se queste metodologie fossero diffuse adeguatamente, non avrebbero nessuna ragione per esistere. Per non parlare dello spropositato costo per lo stato (cioè noi cittadini) delle enormi quantità di psicofarmaci che vengono addebitati al sistema sanitario nazionale (sempre noi) per favorire gli interessi dei soliti noti.