PRESENTAZIONE- "ho smesso di tremare" (il manuale)

VUOI SAPERNE DI PIU' ? CLICCA QUI



SAI GIA' TUTTO SUL POSITIVE SELF TALK ANTIPANICO E VUOI FRUIRNE RAPIDAMENTE ? CLICCA QUI



HAI VISITATO QUESTE PAGINE PER PURA CURIOSITA' ED ORA STAI PER USCIRNE?
NON FARLO PRIMA DI AVER GETTATO UNA OCCHIATAQUI!!


DUE PAROLE...TANTO PER ESSERE CHIARI (leggi)





Il Positive Self Talk Antipanico in TV

Non si può curare il panico come fosse un raffreddore!

                                                      Perché questo titolo? Semplice, se non saranno gli attacchi di panico a farvi cadere in depressione, lo faranno sicuramente gli infiniti pseudo-articoli che compaiono in rete! Mentre voi siete li a cercare una soluzione al vostro problema, ecco che vi imbatterete in una ridda di siti che vi ripeteranno le stesse identiche cose fino alla noia.

Vi riproporranno l'argomento in tutte le salse, ma il "succo" sarà sempre il medesimo. 

Sintomi, percezioni, sensazioni...il tutto girato al dritto e al rovescio, dall'alto in basso e viceversa...ci avete fatto già caso? Quante inutili pagine, che sembrano il "copia-incolla" l'una dell'altra avete già visionato?

Alla fine però, dopo molte chiacchiere e pompose spiegazioni, ecco che esse conducono alle solite due inevitabili soluzioni: A) uso dei farmaci B) psicoterapia.

Se queste due opzioni, rappresentassero però la soluzione, come si spiega il proliferare degli attacchi di panico? Se avessero inventato la "medicina" in grado di curare tali crisi, non dovrebbero queste ultime aver cessato di essere un problema, anziché essere sempre più diffuse?

Se avete un raffreddore, sicuramente non andate nemmeno più dal vostro medico, vi recate direttamente in farmacia a comprare un farmaco decongestionante, uno spray nasale o qualcosa del genere, non è vero? Non brancolereste nel buio.

Il raffreddore è una malattia e come tale ha come risposta, la relativa cura farmacologica...e allora, perché attorno agli Attacchi Di Panico, si fanno tutte queste "chiacchiere"? Perché tutti questi forum, pagine FB, siti di vario genere e innumerevoli opinioni? La risposta è molto semplice, in questo caso, il vecchio detto: " Con la testa non ci capisce niente nessuno" vale più che mai.

Se così non fosse tutto questo bailamme di informazioni, spesso fotocopia l'una dell'altra e spesso totalmente divergenti non esisterebbe, la soluzione sarebbe una ed una soltanto, come nel caso di un banale raffreddore e punto.

Fino al 2012 almeno, gli unici resoconti sugli attacchi di panico reperibili in internet erano quelli redatti da "seri" professionisti e in alternativa c'era il nostro Positive Self Talk Antipanico, preso già da molto tempo prima, in profonda considerazione negli ambianti accademici, quale valida alternativa alla medicina tradizionale e spesso consigliato dagli stessi esperti del settore in concomitanza con le cure maggiormente accreditate.

Successivamente però una vera e propria "epidemia" di cure alternative fece la sua comparsa sul web, rendendo praticamente impossibile, per il malcapitato che cercava chiarimenti, poter distinguere il "sacro" dal "profano". Così in pratica, l'unica soluzione veramente efficace, che si poneva come unica alternativa alle soluzioni A e B citate precedentemente ( quelle proposte dai "seri" professionisti) divenne improvvisamente una delle tante possibili varianti e non più la soluzione "C" come era stato fino a quel momento, con grave danno per coloro che avrebbero potuto avvalersene.

In questo momento, noi siamo in serie difficoltà, come qualcuno che avesse ideato il motore ad acqua, schiacciati fra le multinazionali che controllano il petrolio e le mille bufale in circolazione, resistiamo però, perché di solito chi decide di avvalersi dei nostri suggerimenti lo fa essendo in grado di sapersi districare tra le moltitudini di informazioni, consigli, suggerimenti..e perché sono sempre di più coloro che sanno fare qualche semplice ricerca sul web, riuscendo in tal modo a saper distinguere una informazione supportata da valide fonti, piuttosto che altre fondate sul nulla.

Ovviamente, il generarsi di tale confusione, ha fatto comodo a molti, dato che, sempre nel 2012, momento di massimo splendore, per il Positive Self Talk Antipanico, il metodo da noi proposto, "rischiava" di divenire la terapia più utilizzata in assoluto per contrastare le crisi di panico. Ad andarci maggiormente di mezzo, sono stati però coloro che, distratti da tale caos informativo, non hanno potuto, non hanno voluto o semplicemente non sono riusciti a conoscere la nostra alternativa. Ora però, se state leggendo queste righe, avrete l'occasione di approfondire, di giudicare e di scegliere. Non sprecatela!